GM smentisce voce cessione Opel

“Pure speculazioni”. Così i vertici Opel hanno bollato le voci di Auto Bild secondo le quali GM sarebbe intenzionata a cedere il brand di Rüsselsheim. Tra i possibili acquirenti Volkswagen e Case cinesi. Le smentite sulle voci di cessione Opel a Volkswagen o una Casa cinese sono arrivate subito dopo le anticipazioni dei giornali tedeschi. È però vero che il Presidente del Gruppo GM, Dan Akerson, non è assolutamente soddisfatto dell’andamento delle attività europee. Opel (e Vauxhall) fatica a tornare alla redditività, ma non si dovrebbe replicare la saga del 2009 quando Opel era stata vicinissima anche a Fiat. Akerson farà di tutto per migliorarne i conti.

Please follow and like us:

Consulta l’albo ufficiale dei richiami

Albo ufficiale richiami case auto & aziende della componentistica. La sezione è in allestimento ed a breve consultabile gratuitamente!

in_costruzione Pagina in costruzione presto online

Abarth Alfa Romeo Aprilia Astra Audi Bentley Bmw Bova Buell Cadillac Caravans-Rapido Chevrolet Citroen Dacia
Daewoo Dahiatsu Dodge Ducati Dunlop Evobus Ferrari Fiat Ford Garelli 1 Garelli 2 Gilera GM Great Wall

Please follow and like us:

SISTRI – Rinviata l’entrata in vigore

Così come la quasi totalità di Imprese ed Enti auspicavano, il 25 maggio scorso, il Ministero dell’Ambiente (www.minambiente.it), accogliendo le circostanziate osservazioni di Confindustria e Rete Imprese per l’Italia circa il malfunzionamento del Sistema, evidenziatosi nel corso del click day dell’11 maggio scorso, ha ritenuto opportuno rinviare l’entrata in vigore del SISTRI.

 

Al riguardo, sulla Gazzetta Ufficiale n. 124 del 30 maggio u.s., è stato pubblicato il Decreto ministeriale 26 maggio 2011, che prevede le seguenti nuove scadenze:

 

– 1° settembre 2011 produttori di rifiuti che abbiano più di 500 dipendenti, per gli impianti di smaltimento, incenerimento, ecc. (circa 5.000 imprese) e per i trasportatori che sono autorizzati per trasporti annui superiori alle 3.000 tonnellate (circa 10.000 imprese);

 

– 1° ottobre 2011 produttori di rifiuti che abbiano da 251 a 500 dipendenti e “Comuni, Enti ed Imprese che gestiscono i rifiuti urbani della Regione Campania”;

 

– 1° novembre 2011 per produttori di rifiuti che abbiano da 51 a 250 dipendenti;

 

– 1° dicembre 2011 per produttori di rifiuti che abbiano da 11 a 50 dipendenti e i trasportatori che sono autorizzati per trasporti annui fino a 3.000 tonnellate (circa 10.000 imprese);

 

– 1° gennaio 2012 per produttori di rifiuti pericolosi che abbiano fino a 10 dipendenti.

 

Please follow and like us:

Nuovo Tempario

tempario_22

Prossimamente una nuova sezione Tempario

Un nuovo tempario di “Meccanica & Carrozzeria”, powered by Planus Group & Partners, particolarmente completo e arricchito di informazioni tecniche e di supporti multimediali.

 

Questo sarà il nuovo e rinnovato servizio che a breve verrà presentato all’utenza professionale del nostro portale.

 

Cogliamo l’occasione per salutare il numerosissimo bacino d’utenza professionale iscritto al portale, ringraziando loro con il motto “Tempario.it….sempre e fattivamente a supporto dell’autoriparatore”.

 

Please follow and like us:

Fiat pronta a comprare anche la quota canadese di Chrysler

 

Ormai Sergio Marchionne non si ferma più. La scalata Fiat a Chrysler proseguirà presto con l’acquisizione anche della quota dell’1,7% detenuta in Chrysler dal Governo canadese. Rispetto al 6% che entro pochi giorni sarà acquistato dal Tesoro americano, in questo caso non c’è una call option fissata per l’operazione, ma è stato il Ministro delle Finanze di Ottawa, James Flaherty, a dare la disponibilità a vendere congratulandosi con il Lingotto per la restituzione in anticipo degli 1,7 miliardi di dollari di prestito concessi due anni fa.

 

“Il ritorno per i contribuenti – ha spiegato Flaherty – non si misura soltanto in termini di restituzione del prestito, ma anche di posti di lavoro e investimenti che sono rimasti grazie al nostro sostegno alla Chrysler”. Soddisfatto anche Marchionne. “ Il Ministro Flaherty e il Governo canadese ci hanno dato una seconda possibilità, cosa che accade raramente nella vita. E ci hanno dato non solo speranza per la sopravvivenza, ma anche un’opportunità di costruire un futuro”. A metà giugno, dunque, Fiat avrà il 52% di Chrysler una volta completata l’acquisizione delle quote americane ed entro fine anno salirà al 57% grazie all’ultimo 5% previsto dai Performance Event. Il traguardo a breve-medio termine, a questo punto, è arrivare fino al 58,7% grazie all’accordo con le autorità canadesi, aspettando un’ulteriore accelerata nei prossimi anni (fino ad oltre il 75%) esercitando tutte le varie call option ancora in ballo. Un’altra tappa fondamentale nel processo di integrazione tra Fiat e Chrysler si concretizzerà domani quando i conti della Casa di Auburn Hills saranno consolidati nel bilancio del Gruppo Fiat, anche se per i primi risultati in comune bisognerà attendere ottobre con i dati del secondo trimestre. È stata infine confermata per venerdì la visita ufficiale del Presidente Barack Obama all’impianto Chrysler di Toledo, Ohio, dove incontrerà Marchionne.

 

Please follow and like us: